Menu
Facebook
Menu Articoli

Il Territorio

«La qualità del prodotto delle risaie vercellesi è il risultato di alcuni secoli di bonifiche e attente selezioni, rigorosamente naturali.
Da quando nel XV secolo i monaci cistercensi, primi in Italia, lo impiantarono, il riso ha modellato il territorio vercellese; risaie e canali di irrigazione hanno creato un ecosistema unico al mondo: riso, paesaggio, ambiente, flora, fauna, ruralità e lavoro agricolo, piccoli borghi, grandi cascine, flusso e deflusso delle acque, storia, tradizione, cultura, arte, civiltà risicola.
Sono questi i termini ricorrenti che descrivono un territorio che ha saputo conservare nel tempo la sua unicità: chi passa per la provincia di Vercelli nei mesi primaverili, non può che rimanere affascinato dalle immense distese d’acqua in cui si riflette il paesaggio della “bassa”. In estate il quadro muta: è il verde acceso del riso acerbo il colore dominante delle giornate estive della campagna vercellese. A settembre le tinte cambiano ancora: le spighe ormai mature formano immense distese dai colori caldi e dorati».

(estratto dalla prefazione scritta da Giovanni Carlo Verri nel volume “risotti e ancora risotti”)